Tutto il territorio Home / Scopri il territorio / Arte e cultura / Opere artistiche / Pala d'Altare di Giacomo Bolognini in Rubiera

Pala d'Altare di Giacomo Bolognini

Pala d'altare del XVIII, il restauro degli anni 96-97, di un dipinto proveniente dalla chiesa dell’Ospitale ha portato all’identificazione dello stesso con la grande tela di Giacomo Bolognini
Rubiera - Pala d'Altare Giacomo Bolognini - Altarpiece

via Emilia Est, 5

42048 Rubiera

Bolognini fu uno dei pittori più in vista a Bologna tra la fine del Seicento ed i primi decenni del Settecento, e questo suo dipinto è ricordato dalle fonti settecentesche nei pressi di Bologna (G.Zanotti, 1739; L.Crespi 1769), “nella casa di Villa del Taciti al Borgo”, come un “San Gaetano con molte figure”. L’opera è più puntualmente descritta dall’erudito bolognese Marcello Oretti nella seconda metà del Settecento: “al Medola, nel territorio di Bologna nel Casino Taciti la Tavola dell’Altare vi è la Madonna, S.Gaetano, S.Jacopo Apostolo”.
Tra le figure distribuite nella vasta tela sagomata è ben riconoscibile in alto la Madonna che si volge ad un santo la cui condizione di pellegrino è dichiarata dall’abbigliamento e dalla conchiglia sulla mantellina. Il Santo va identificato con l’apostolo Giacomo il maggiore, celebre pellegrino di Campostella. Questi presenta a Maria il progetto architettonico di un oratorio, con tutta verosimiglianza l’edificio religioso al quale la pala era destinata. In basso invece compare San Gaetano da Thiene con il Bambino tra le braccia, sorretto nell’afflato mistico degli angeli disposti in abili scorci. L’impianto scenografico, peculiare della tradizione artistica bolognese dell’età barocca, è esaltato dall’abile regia delle luci contrastate che sottolineano vivamente i profili ed i contorni delle figure. La pala confluita per vie ancora da chiarire a Rubiera è da riferire agli inizi del Settecento quando la pittura del Bolognini si incontra con la foga barocca di Domenico Maria Canuti e la libertà di tocco di Giovanni Antonio Burrini. Il dipinto di notevoli dimensioni (cm330 x 190) è provvisoriamente collocato all’interno di palazzo Sacrati nei locali dell'amministrazione Comunale, in attesa di essere definitivamente collocato presso l’Ospitale.

Come arrivare:

Casello A1 :distanza Km. 12 in direzione Modena
Statale 9 - Via Emilia -Direzione Modena
Autobus n. 2 per Rubiera

In auto: dalla via Emilia in prossimità del centro storico di Rubiera a destra poi a sinistra via Emilia Est; in autobus: capolinea autobus n° 2 diritto via Emilia direzione Modena (distanza 500 mt. circa); dalla stazione ferroviaria: a destra direzione centro storico, Largo Cairoli, poi a sinistra via Emilia direzione Modena (distanza 600 mt circa )

 

Contenuti correlati