Palazzo Diamanti

Fu sede del primo ente italiano ad esplicita struttura cooperativa che si propose di produrre e di vendere vino: L'Enologica.
Rio Saliceto - Palazzo Diamanti

Via Giuseppe Garibaldi

42010 Rio Saliceto


Risale al 23 agosto 1901 l'atto costitutivo della società cooperativa fondata allo scopo di produrre e smerciare, ma soprattutto diffondere e valorizzare il vino tipico locale, quel vino di Rio dalla gradazione più forte dell'intero circondario, al quale Pier Giacinto Terrachini - primo Sindaco e singolare figura di urbanista e di amministratore - dedicherà un monumento composto da una grande botte sormontata da Noè, conosciuto come "il Bacco", andato poi distrutto durante il ventennio fascista.
La vocazione enologica della cooperativa si esprime anche nell'edificio di via Garibaldi che l'ha ospitata fino al 1935, anno della vendita dell'immobile. Lungo i muri portanti del fabbricato sono stati inseriti, a titolo ornamentale, i vetri di centinaia di bottiglie da vino, ordinate in modo che all'esterno compaiano alternativamente i "fondi" e le "bocche".
In occasione del centenario della fondazione, il 23 agosto 2001 si è provveduto al festeggiamento dell'evento con la posa, sulla facciata del palazzo, di una targa commemorativa raffigurante San Giorgio, Patrono di Rio Saliceto.

Come arrivare:
Distanza da Reggio Emilia: Km. 23
Vie d'accesso da Reggio Emilia: SS. 468 direzione Correggio, poi SP. 5 direzione Campagnola Emilia-Novellara
Sevizi di trasporto pubblico extraurbano

Periodi di Apertura
VISITABILE ESTERNAMENTE