Reggia di Rivalta

Distante pochi chilometri dal centro storico di Reggio Emilia, il Palazzo Ducale o Reggia di Rivalta è un palazzo storico settecentesco che può essere considerato una delle ultime "delizie Estensi".

Informazioni

Via dei Combattenti, 42123 Reggio nell'Emilia
Cellulare - Mobile 340 9775042 - Vice presidente dell'Associazione Insieme per Rivalta
Sito web - Website Associazione Insieme per Rivalta
Facebook La Reggia di Rivalta

Orari

Visitabile internamente solo in occasione di eventi.

Come arrivare

In auto
percorrere la SS63 in direzione Rivalta

In autobus
Servizio di trasporto urbano linea 5 e 6

Cenni storici

Edificata a partire dal 1723 nella frazione di Rivalta per Francesco III d'Este e Carlotta d'Orléans, la villa faceva parte di un più vasto sistema comprendente anche la villa di Rivaltella e la “vasca” di Corbelli. Il progetto di questa "Piccola Versailles” fu affidato dapprima all'architetto reggiano G.M. Ferraroni e poi al Bolognini (autore della Sala del Tricolore). L'edificio fu terminato nel 1733 mentre il parco vide continui abbellimenti successivi. Tra il 1740 ed il 1760 la Reggia visse il suo periodo d'oro, con feste grandiose che riecheggiavano lo sfarzo parigino.
Nel 1796 venne occupata dalle truppe dell'armata napoleonica in transito lungo la Pianura Padana. Al termine dell'occupazione la villa, spogliata e danneggiata, fu consegnata ad un comitato di cittadini che, attorno al 1807, ne demolì alcune parti e convertì il giardino ad uso agricolo.
Oggi restano solo l'ala sud, probabilmente in origine destinata alla servitù e del tutto minore rispetto alle altre distrutte, e la cappella, in rovina, inglobata in edifici agricoli. Del parco e dei giardini con giochi d'acqua ottenuti utilizzando l'acqua del vicino torrente Crostolo, rimangono il perimetro cintato e una vasca ovale.
Delle numerose statue che ornavano i giardini, molte furono distrutte, altre tolte e ricollocate nel Parco del Popolo a Reggio e due furono collocate ai lati del ponte di San Pellegrino sul torrente Crostolo. La statua raffigurante quest'ultimo infine fu posta nella centralissima piazza Prampolini in città, in cima alla fontana che da essa prende il nome.
Nel 2005 la villa e il giardino sono stati acquisiti dal Comune di Reggio Emilia, che ne ha avviato la valorizzazione e il recupero.

Sito web - Website La Storia della Reggia: un racconto a più voci
Sito web - Website Due o tre cose su Carlotta d’Orléans: da Versailles a Rivalta
Sito web - Website
progetto di riqualificazione: la Reggia ducale di Rivalta

Itinerari

Icona markerPasseggiata verso le delizie estensi
Icona markerDalla Dimora estiva dell'Ariosto alla Reggia di Rivalta