Torre del Bordello

La torre si alza attualmente a 51 metri d'altezza ed è il punto più alto del centro storico. Fu voluta e costruita accanto al bordello comunale, che si trovava in prossimità dell’attuale Piazza Casotti, per ospitare l'archivio comunale.

Indirizzo e contatti

Via Farini 1/A - 42121 Reggio Emilia
Telefono 0522 451152 - Ufficio IAT (Informazione Accoglienza Turistica)
Email iat@comune.re.it

Orari di apertura

Attualmente non agibile per questioni di sicurezza.

Come arrivare

Reggio nell'Emilia - centro storico

La torre è nel cuore del centro storico, sulla sinistra del Municipio.

Cenni storici

Una Torre dal nome alquanto singolare sovrasta il centro di Reggio Emilia. Normalmente chiusa, è stata recentemente riaperta in occasioni speciali regalando al pubblico una vista a 360° gradi sulla città. Venne costruita, a partire dal 1498, per ospitare l'archivio comunale, precedentemente situato all'interno della Torre dell'orologio. Il nome curioso della torre, che caratterizzò fino al 1800 anche il vicoletto adiacente, si deve alla presenza, nelle immediate vicinanze, del cosiddetto “castelletto”, sede appunto del bordello cittadino.

Il progetto della nuova torre dell'archivio si deve a Girolamo Casotti figlio di quell'Antonio che già aveva progettato molti edifici per il comune. In origine più bassa e coronata alla sommità da merli guelfi, la torre raggiunse l'altezza attuale di 51 metri attraverso due innalzamenti successivi. Nel penultimo piano della torre si trova la campana civica, chiamata Regia, precedentemente custodita all'interno della torre dell'orologio e spostata nell'attuale collocazione nel corso del 1600. Sulla campana sono incise le figure dei santi protettori della città, Crisanto e Daria, lo stemma cittadino e, nella parte più alta, un iscrizione in lingua latina: il mio nome è Regia/regina; Mi fece Francesco Capelli reggiano e Dionigi Filippi torinese. SPQR mi destinò alla comunità/al pubblico servizio nell'anno del signore 1667.

La torre ha avuto un ruolo di fondamentale importanza nel corso del '900: durante la Prima Guerra Mondiale, i rintocchi della campana indicavano l'imminenza di incursioni aeree e il suono a distesa il cessato pericolo, mentre, durante la Seconda Guerra mondiale la torre venne utilizzata della contraerea come luogo di avvistamento, come ricorda il dipinto murario conservato all'ultimo piano della torre.

Istoreco. Livello 9 - museo dei luoghi del '900: Per approfondire il ruolo della torre durante la Prima Guerra Mondiale.

Ingresso municipio e torre
Fototeca Istoreco, foto Andrea Mainardi, Reggio Emilia 2018