Tutto il territorio Home / Eventi / Manifestazioni e iniziative / Mostre / Fotografia Europea 2021 in Reggio Emilia

Fotografia Europea 2021

Mostre, installazioni, conferenze, incontri, workshops, proiezioni e spettacoli. In sedi varie. Il tema è: “Sulla Terra e sulla Luna / fate largo ai sognatori!". XVI Edizione. Inaugurazione: 21 maggio ore 18.

21 maggio - 4 luglio 2021

 

Dopo la pausa forzata che ha portato alla cancellazione della passata edizione, Fotografia Europea 2021 riprende da un verso di Gianni Rodari  – Sulla Luna e sulla Terra/ fate largo ai sognatori! – per sottolineare l’importanza della fantasia, nella sua accezione creativa, nel generare significati e visioni.
“L’utopia è educativa quanto lo spirito critico” sottolinea Rodari nella Grammatica della fantasia, ricordandoci l’importanza della creatività nel processo educativo.
Che cosa resta dell’insegnamento di Rodari oggi? Cosa rimane in un mondo completamente trasformato in cui tutti gli aspetti, anche quelli legati alla creatività, sono passati attraverso processi personali e globali di ripensamento e rivalutazione?
Ha ancora senso utilizzare la parola “sogno” in un mondo così trasfigurato?
Come siamo arrivati fino a qui? Come possiamo guardare oltre?
L’anno appena trascorso ha profondamente modificato il nostro modo di vivere facendoci scoprire tutti più fragili e, forse, anche più umani; quali sono le nuove vie da percorrere in questo senso? Ce ne sono di vecchie che avevamo dimenticato?
FE2021 si interroga sul ruolo delle immagini e della cultura visuale in questo particolare momento, ponendo l’attenzione sulla loro natura complessa e sfaccettata che ne rende difficoltosa qualsiasi definizione univoca.
Ma è proprio grazie a queste caratteristiche di indeterminatezza, provvisorietà, ambiguità e complessità che le immagini costituiscono una buona base di partenza per aiutarci a ripensare il mondo in cui viviamo.
Il festival si apre quindi a tutti quei progetti capaci di attivare risposte, generare dubbi e sollevare domande spingendoci a riguardare, rivedere e ripensare il processo creativo proprio in un momento di passaggio come questo verso nuovi e altri modi di essere e di vivere.
Tutto ciò senza dimenticare un aspetto che da sempre accompagna la storia delle immagini: la loro capacità di generare bellezza, didare conforto agli occhi e allo spirito, di mettere in atto processi di cura e guarigione, di unire e generare un senso di appartenenza comune.
L’edizione 2021 vede una rinnovata direzione artistica. Accanto a Walter Guadagnini, entrano nel team Diane Dufour – fondatrice e direttrice dello spazio espositivo parigino Le Bal, che aveva già collaborato al festival dal 2015 al 2017 – e Tim Clark, curatore e docente inglese, fondatore di 1000 Words, magazine online punto di riferimento per la cultura fotografica contemporanea.

Dopo la pausa forzata che ha portato alla cancellazione della passata edizione, Fotografia Europea 2021 riprende da un verso di Gianni Rodari - Sulla Luna e sulla Terra/ fate largo ai sognatori! - per sottolineare l’importanza della fantasia, nella sua accezione creativa, nel generare significati e visioni.

“L’utopia è educativa quanto lo spirito critico”, sottolinea Rodari nella Grammatica della fantasia ricordandoci l’importanza della creatività nel processo educativo.

Cosa resta dell’insegnamento di Rodari oggi? Cosa rimane in un mondo completamente trasformato in cui tutti gli aspetti, anche quelli legati alla creatività, sono passati attraverso processi personali e globali di ripensamento e rivalutazione? Ha ancora senso utilizzare la parola “sogno” in un mondo così trasfigurato? Come siamo arrivati fino a qui? Come possiamo guardare oltre?

L’anno appena trascorso ha profondamente modificato il nostro modo di vivere facendoci scoprire tutti più fragili e, forse, anche più umani; quali sono le nuove vie da percorrere in questo senso? Ce ne sono di vecchie che avevamo dimenticato?

Fotografia Europea 2021 si interroga sul ruolo delle immagini e della cultura visuale in questo particolare momento, ponendo l’attenzione sulla loro natura complessa e sfaccettata che ne rende difficoltosa qualsiasi definizione univoca.

Ma è proprio grazie a queste caratteristiche di indeterminatezza, provvisorietà, ambiguità e complessità che le immagini costituiscono una buona base di partenza per aiutarci a ripensare il mondo in cui viviamo.

Il festival si apre quindi a tutti quei progetti capaci di attivare risposte, generare dubbi e sollevare domande spingendoci a riguardare, rivedere e ripensare il processo creativo proprio in un momento di passaggio come questo verso nuovi e altri modi di essere e di vivere.

Tutto ciò senza dimenticare un aspetto che da sempre accompagna la storia delle immagini: la loro capacità di generare bellezza, di dare conforto agli occhi e allo spirito, di mettere in atto processi di cura e guarigione, di unire e generare un senso di appartenenza comune.

L’edizione 2021 vede una rinnovata direzione artistica. Accanto a Walter Guadagnini, entrano nel team Diane Dufour - fondatrice e direttrice dello spazio espositivo parigino Le Bal, che aveva già collaborato al festival dal 2015 al 2017 - e Tim Clark, curatore e docente inglese, fondatore di 1000 Words, magazine online punto di riferimento per la cultura fotografica contemporanea.

Programma

Il programma prevede 23 mostre.

Palazzo Magnani, Corso Garibaldi 29
True Fictions. Fotografia visionaria dagli anni '70 ad oggi

Chiostri di San Pietro, Via Emilia San Pietro 44/c
Vittorio Mortarotti & Anush Hamzehian
David Jimenez
Piergiorgio Casotti & Emanuele Brutti
Yasmina Benabderrahmane
Donovan Wylie
Noémie Goudal
Lebohang Kganye
Raymond Meeks
Sophie Whettnall

Palazzo da Mosto, Via Mari 7
Thomas Demand & Martin Boyce
Home is where one starts from

Luoghi vari
Alex Majoli. Mostra open air

Via Secchi
Antoine D'Agata. Mostra open air

Piazza della Vittoria
Soham Gupta. Mostra open air

Cedro del Libano del Parco del Popolo, Piazza della Vittoria
Jeff Mermelstein. Mostra open air

Piazza Frumentaria
Marco Di Noia. Mostra open air

Piazza Roversi
Speciale Diciottoventicinque. Mostra open air

Spazio Gerra giardino, Piazza XXV Aprile 2
Back to Land

Chiostri di San Domenico, Via Dante Alighieri 11
Giovane Fotografia Italiana #08

Biblioteca Panizzi, via Farini 3
Tesori in mostra

Palazzo dei Musei, Via Spallanzani 1
Joan Fontcuberta
Luca Manfredi

 

Circuito Off
Con il circuito Off ogni luogo si trasforma in galleria d'arte: sedi istituzionali, musei e fucine dei creativi, ma anche negozi, alberghi, ristoranti, scuole, circoli, teatri, case private e interi quartieri.

La sezione libera e indipendente del Festival che nasce dalla spontanea iniziativa delle persone.
Tutti possono partecipare presentando il proprio progetto ispirato dal concept di questa sedicesima edizione del festival Sulla Luna e sulla Terra, fate largo ai sognatori, fissando negli scatti la propria interpretazione di un tema che saprà abbattere quelle barriere che la realtà attuale ha imposto.
Una giuria specializzata selezionerà tre mostre, fra le più interessanti, e il progetto che si classificherà al primo posto avrà la possibilità di presentare una nuova esposizione durante la prossima edizione di Fotografia Europea 2022 (con un contributo di 1000 €).
Se hai uno spazio ma non conosci nessun fotografo e lo vuoi mettere a disposizione per una mostra del Circuito OFF puo scriverci qui.
Le iscrizioni saranno aperte fino al 16 aprile 2021.
Il circuito rappresenta la sezione libera e indipendente del Festival che nasce dalla spontanea iniziativa delle persone. Tutti possono partecipare presentando il proprio progetto ispirato dal concept di questa edizione, fissando negli scatti la propria interpretazione di un tema che saprà abbattere quelle barriere che la realtà attuale ha imposto.
Una giuria specializzata selezionerà tre mostre, fra le più interessanti, e il progetto che si classificherà al primo posto avrà la possibilità di presentare una nuova esposizione durante la prossima edizione di Fotografia Europea 2022 (con un contributo di Euro 1.000).
Orari

Chiostri di San Pietro, Palazzo Magnani, Palazzo da Mosto
Dal 22 maggio al 4 luglio: venerdì-domenica 10-20; aperture straordinarie: 21 maggio 16-20; 2 giugno 10-20.

Chiostri di San Domenico, Palazzo dei Musei
Dal 22 maggio al 4 luglio: sabato-domenica 10-20; aperture straordinarie: 21 maggio 16-20; 2 giugno 10-20.

Spazio Gerra giardino
Dal 22 maggio al 31 luglio: tutti i giorni 10-13 e 14-20.

Biblioteca Panizzi
Dal 22 maggio al 5 settembre: lunedì-sabato 9-19.

Mostre open air
Sempre visitabili

Tariffe

Biglietto unico per accedere a tutte le mostre:
Euro 20,00 (sostenitore): Euro 15,00 (intero); Euro 12,00 (ridotto); Euro 10,00 (studenti); Euro 8,00 (ragazzi).

Biglietto singola sede:
Chiostri di San Pietro (Euro 10,00 intero, Euro 8,00 ridotto); Palazzo Magnani e Palazzo da Mosto (Euro 8,00 intero, Euro 6,00 ridotto).

Biglietterie:
Chiostri di San Pietro, via Emilia San Pietro 44/c
Palazzo Magnani, corso Garibaldi 29
Le due biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura delle mostre.

Biglietteria online

Chiostri di San Pietro, via Emilia San Pietro 44/c
Palazzo Magnani, corso Garibaldi 29
Le due biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura delle mostre.Chiostri di San Pietro, via Emilia San Pietro 44/cPalazzo Magnani, corso Garibaldi 29
Url dell'evento

http://www.fotografiaeuropea.it/

Contatti

Fondazione Palazzo Magnani

Corso Garibaldi, 31 42121 Reggio Emilia
Fax. 0522.444436

Azioni sul documento