Tutto il territorio Home / Eventi / Manifestazioni e iniziative / Mostre / Da Guercino a Boulanger. La Madonna di Reggio, diffusione di un'immagine miracolosa in Reggio Emilia

Da Guercino a Boulanger. La Madonna di Reggio, diffusione di un'immagine miracolosa

Mostra dedicata alla diffusione in ambito artistico dell’immagine miracolosa della Madonna della Ghiara. Presso il Palazzo dei Musei, via Spallanzani 1.

7 dicembre 2019 - 8 marzo 2020

Esposizione di opere realizzate da importanti pittori dell’epoca, da Guercino a Giovanni Lanfranco, Ludovico Lana, Jean Boulanger, Lucio Massari, Domenico Cresti detto il Passignano, Carlo Bononi.

L’esposizione traccia le linee principali della diffusione del culto e prende in esame un selezionato gruppo di dipinti che visualizzano nelle diverse forme l’iconografia della Beata Vergine della Ghiara; dipinti eseguiti tra gli ultimi anni del Cinquecento e la prima metà del Seicento, ciascuno dei quali rappresenta un centro urbano dell’area padana e, più in generale, un vasto territorio che generò flussi di pellegrini verso la città di Reggio Emilia.

Meno di tre mesi intercorrono tra il miracolo di Marchino, garzone sordomuto del beccaio Ciano (29 aprile 1596), il processo istruito a Reggio e a Parma da teologi, canonisti e medici e l’approvazione finale a Roma da parte della Congregazione dei Riti e dello stesso Clemente VIII (22 luglio 1596). La medesima celerità caratterizza la diffusione del culto della Madonna della Ghiara che subito conquista Ferrara e Modena, qui rappresentate dalle pale d’altare di Carlo Bononi, dello Scarsellino e di Ludovico Lana, e si espande oltre i confini estensi per il moltiplicarsi dei prodigi.§

I dipinti dell’esposizione documentano emblematicamente l’affermazione di quella devozione nei territori della Serenissima (la pala di Zeno Donise nel Bergamasco), nel ducato di Mantova (la pala di Francesco Borgani nella chiesa di Sant’Apollonia), in quello dei Farnese (la pala di Giovanni Lanfranco a Capodimonte, in origine a Piacenza) e inevitabilmente nelle città dello Stato della Chiesa con opere del Guercino, del Passignano e di Jean Boulanger, rispettivamente a Cento, Forlì e Pergola.

Risaltano quali espressioni della pietas personale, come rivelano i ritratti dei committenti “in abisso”, la pala di Zeno Donise della parrocchiale di Roncobello in Val Brembana, degli inizi del Seicento, e quella per la chiesa di San Pietro a Cento eseguita nel 1618 dal giovane Guercino; il pittore che conquista il pubblico reggiano con la superba Crocifissione montata nel 1625 sull’altare della Comunità, di fronte alla venerata Madonna di Reggio.

Programma

Elenco completo delle opere esposte:

1. Giovanni Lanfranco, Madonna della Ghiara e i santi Francesco d'Assisi e Rustico, 1610-1612 circa, 273 x 173 cm, Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte

2. Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino, Madonna della Ghiara con San Pietro penitente, San Carlo Borromeo e il donatore alla presenza del committente, di San Carlo Borromeo e di un angelo, 1618, olio su tela, 229 x 155 cm, Cento (Ferrara), Pinacoteca Civica

3. Domenico Cresti detto il Passignano, Madonna della Ghiara con i beati Gioacchino Piccolomini e Andrea Avellino, 1626, olio su tela, 230 x 156 cm, Forlì, Chiesa di San Pellegrino Laziosi dei Servi di Maria

4. Carlo Bononi, Madonna di Reggio con Santo Arcivescovo e San Francesco, 1615-1620?, olio tela, 205 x 144 cm, Ferrara, Seminario Arcivescovile

5. Jean Boulanger, Madonna della Ghiara con San Giorgio, 1652 circa, olio su tela, 267 x 160 cm, Pergola (Pesaro Urbino), Cattedrale di Sant’Andrea, Cappella Graziani

6. Zeno Donise, Madonna della Ghiara e i Santi Rocco, Mamaso e Sebastiano, primo decennio del XVII secolo, olio su tela, 200 x 140 cm, Roncobello (Bergamo), Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

7. Francesco Borgani, Madonna della Ghiara, 1604, olio su tela, 212 x 141 cm, Mantova, Chiesa parrocchiale di Sant’Apollonia

8. Manifattura reggiana, Madonna della Ghiara, prima del 1623, avorio ed ebano, 20 x 12,4 x 10 cm, Gallerie degli Uffizi, Tesoro dei Granduchi

9. Ippolito Scarsella detto lo Scarsellino, Madonna della Ghiara, 1606 circa, olio su tela, 168 x 150 cm, Spilamberto (Modena), Parrocchia di Sant’Adriano III Papa

10. Ludovico Lana, Madonna della Ghiara, 1630-1640, olio su tela, 220 x 150 cm, Fanano (Modena), Chiesa di San Giuseppe

 

Visite guidate gratuite:
8, 15, 22, 25-26, 29 dicembre, 5-6 gennaio: ore 16,30.

Orari

Sabato, domenica e festivi: 10-13 e 16-19.

Aperture straordinarie:
24, 27 e 31 dicembre, 2-3 gennaio: 9-12; 25 dicembre e 1 gennaio: 16-19.

Tariffe

ingresso gratuito

Contatti

Musei Civici

Via Spallanzani, 1 42121 Reggio Emilia
Fax. 0522.456476

Azioni sul documento