Tutto il territorio Home / Eventi / Manifestazioni e iniziative / Festività religiose / San Prospero Patrono di Reggio Emilia in Reggio Emilia

San Prospero Patrono di Reggio Emilia

24 novembre. Solenni cerimonie religiose dedicate al Vescovo Prospero, Santo Patrono di Reggio Emilia. In piazza San Prospero e nelle vie del centro storico.

Il Santo Patrono secondo la tradizione visse nel V secolo e fu vescovo di Reggio Emilia tra il 480 ed il 505 circa. Secondo l'usanza di allora il Vescovo veniva eletto dal clero e dal popolo riuniti in assemblea - famoso è l'esempio di S. Ambrogio - scegliendolo tra i preti o laici più stimati per fede, dottrina e pietà.

Così avvenne anche per San Prospero che certamente reggiano era e meritò non solo l'onore di Vescovo ma anche il culto come Santo per il suo impegno della diffusione e difesa della fede e protettore della città. Per capire il ruolo di San Prospero nella vita e nella storia della città e della diocesi, bisogna rivedere le vicende di quei tempi difficilissimi. Nel 476 Odoacre, capo degli Eruli, prima mercenario, poi invasore dell'impero Romano d'Occidente, aveva sconfitto e ucciso il generale romano Oreste a Pavia e deposto l'ultimo imperatore Romolo Augustolo.

Poi per parecchi decenni Odoacre regnò sull'Italia col titolo di Patrizio romano, appropriandosi di un terzo delle terre per assegnarle ai suoi soldati e alle loro famiglie. Si ebbe quindi in Italia un periodo di relativa calma, se si eccettuano i facili soprusi e le violenze che si verificarono mentre i proprietari grossi e piccoli venivano spogliati delle loro terre e case, spesso costretti alla fuga o uccisi se si opponevano alla confisca... Ma ecco che i patti e le alleanze di Odoacre con i Vandali d'Africa, i Visigoti di Spagna, i Franchi e i Burgundi di Francia, ingelosirono Zenone, imperatore d'Oriente, il quale anche per liberarsi di Teodorico e dei suoi Ostrogoti, li spinse ad invadere l'Italia. Quasi quattro anni durò la guerra tra Eruli ed Ostrogoti, Odoacre fu sconfitto nel 489 sull'Isonzo poi a Verona poi sull'Adda e costretto a rifugiarsi a Ravenna.

Qui resistette tre anni all'assedio, poi nel 493 si arrese e fu ucciso a tradimento. quattro anni di guerra, di scorrerie e di saccheggi dell'esercito per mantenersi! Quattro anni di anarchia e di violenze in tutta la nostra regione, mentre i cittadini più ricchi e colti, i magistrati romani fuggivano a sud.

La gente abbandonava la pianura e si rifugiava sui monti e nei boschi. In questa situazione furono i Vescovi che dovettero assumere gli oneri dei magistrati, spesso anche come giudici ed amministratori delle città. In mancanza di altri e per il primato religioso e morale, di cui erano investiti, i Vescovi dovettero esercitare sia le funzioni religiose che pubbliche, veri difensori della città. In questi gravosi compiti San Prospero dovette distinguersi più che i sette Vescovi suoi predecessori, non solo per le sue virtù e dottrina, ma sopratutto per la diffusione del Vangelo, la protezione dei deboli e l'assistenza agli sbandati. Per questo i reggiani ne riconobbero la Santità e ne invocarono, anche dopo la morte, la protezione celeste sulla città. Sono scarsi i riferimenti che ci consentono di conoscere in modo approfondito la vita del patrono di Reggio Emilia. Alcune fonti storiche sostengono che fosse reggiano di nascita, eletto dal clero e dal popolo e che resse la diocesi per 22 anni; altre sostengono invece che Prospero, chiamato anche Tiro Prospero, nacque in Aquitania nel 390 circa dove ricevette un'ottima educazione letterario-filosofica.

La maggior parte della sua vita la trascorse a Marsiglia come monaco. Il papa Leone decise di eleggerlo vescovo a Reggio Emilia nel 440 circa. San Prospero visse tra il 410 e il 500 circa, ma di quel tempo pressochè tutto è andato distrutto. Colpa della disastrosa invasione degli Ungari - Magiari. Nell'anno 899, dopo aver invaso e saccheggiato Veneto e Romagna, vennero in Emilia ove distrussero il Monastero di Nonantola e a Reggio quelli di S. Tommaso e S. Prospero, arrivando persino ad uccidere il Vescovo Azzo II.

Pertanto i primi documenti che ci informano sul culto di S. Prospero e della festa in suo onore sono un contratto d'affitto dell'anno 822 (otto anni dopo la morte di Carlo Magno) e due testi liturgici "De vita" e "De traslatione" molto posteriori, ma forse risalenti al tempo del Vescovo Tomaso (701/704), che fece trasferire le spoglie del Santo dalla chiesa di S. Apollinare (ora S. Agostino) a quella eretta in suo onore insieme al monastero, che fu poi bruciato dagli Ungari.

Dopo la translazione ed in seguito a vari prodigi, il suo culto si diffuse largamente in Emilia, Lombardia, Liguria, Toscana ed Umbria, ma dopo il Concilio di Trento che impose l'adozione del Calendario e breviario Romani, esso si è progressivamente ristretto alle diocesi di Reggio, Modena e Parma. Per evitare che in altre calamità le reliquie del Santo venissero disperse o trafugate, il Vescovo Teuzone (979 - 1030) fece costruire una Basilica in suo onore entro la cinta del castello e vi trasferì la venerata spoglia nell'anno 997; sono quindi oltre mille anni che il nostro Patrono è rientrato in città. Essendo vetusta e cadente la Basilica di Teuzone, nello stesso luogo la Città volle nel 1514 onorarlo con un tempio ancora più grande e magnifico: l'attuale. Nel 1601 poi, per troncare ogni contestazione, il Vescovo Claudio Rangone fece fare una ricognizione alle reliquie e fu constatato che esse sono veramente custodite nella Basilica dei "leoni".

Contatti

Ufficio IAT Reggio Emilia (Informazione Accoglienza Turistica)

Via Farini, 1/A 42121 Reggio Emilia
Fax. 0522.436739

Azioni sul documento