Villa Taparelli

La villa sorge in fondo ad un viale che attraversa un'ampia radura delimitata da due filari di pioppi cipressini.

Indirizzo e contatti

via Carletti - 42015 Correggio
telefono 0522 631770 - UIT Correggio

Orari

La villa, privata, è visitabile solo dall'esterno.

Come arrivare

Correggio

in auto
percorrendo l'autostrada A22 Modena-Brennero, uscendo al casello di Carpi e seguendo le indicazioni per Correggio (percorrendo quindi la SS468 verso Sud); 
utilizzando l'autostrada A1 Milano - Bologna, uscendo al casello di Reggio Emilia e seguendo le indicazioni per Carpi-Correggio (percorrendo così la SS468 in direzione Nord).

in treno
le stazioni ferroviarie più vicine a Correggio sono quelle di Reggio Emilia sulla tratta Milano-Bologna (circa 20 km da Correggio) e di Carpi sulla tratta Modena-Verona (circa 7 km da Correggio).

in autobus
da Reggio Emilia, Piazzale Europa, si può raggiungere Correggio con gli autobus di linea n. 43 e 82

Notizie storiche

L'edificio ha un ampio fronte con due avancorpi laterali costituiti dalle scuderie, dalla cappelletta e dai rustici annessi. La facciata è sormontata da una torretta.
La tradizione riferisce che l'edificio fosse, nei secoli del Rinascimento, il "Casino delle delizie" di Nicolò da Correggio.
Esso era collocato lungo una derivazione del canale dei mulini che serviva per l'irrigazione del parco.
La villa, edificata nella prima metà dell'Ottocento rielaborando elementi precedenti, presenta un imponente volume a pianta quadrangolare su due livelli e sottotetto.
Sulla copertura si imposta una sopraelevazione centrale con coronamento a frontone.
La facciata evidenzia il portale archivoltato, riquadrato con elementi decorativi costituiti da due cariatidi e da teste con profilo di nobiluomini.
Le luci sono regolari e simmetricamente distribuite, distinte al piano terreno da un motivo decorativo ad arco ed a timpano nelle finestre centrale al piano nobile.
In corrispondenza degli interassi delle luci, a filo della facciata, si impostano quattro alti camini poligonali.
Un portico ad una arcata a sesto ribassato, con terrazza balaustrata superiore, collega l'edificio all'oratorio.
La facciata, rivolta a ponente, presenta un semplice profilo sagomato superiormente da una cornice modanata.
Il prospetto posteriore evidenzia un bel portale con nicchia e statua del santo, decorazioni architettoniche e campaniletto a vela in vertice.
Villa Taparelli ha ospitato principi, nobili e poeti come l'Ariosto, il Tasso e l'imperatore Carlo V.
Le cronache lasciano traspirare il ruolo delle residenza campestre, sia come luogo di delizia, di cultura e di ospitalità, sia come "macchina" per l'aumento dei patrimoni allodiali e apparato per i rifornimenti di prelibatezze.
Molti atti comitali sono stati rogati direttamente " ad Caxinum extra portam S.Joannis" e nel 1518 un "codicillo" al testamento di Gilberto Da Correggio viene redatto "in camera philosophorum" affrescata da Antonio Allegri.

La via riveste un notevole interesse ambientale sia per i parchi delle ville presenti che per le siepi che la fiancheggiano.