Teatro Asioli

Il teatro pubblico nasce a Correggio nel 1600 dall'adattamento e dalla sistemazione delle sale del Palazzo Vecchio, antica dimora di Nicolò da Correggio.

Indirizzo e contatti

corso Cavour, 9 - 42015 Correggio
telefoni
0522 637813 - Teatro 
0522 630711 - Comune di Correggio
info@teatroasioli.it
Teatro Asioli

Orari

Il teatro è generalmente accessibile solo in occasione di spettacoli o eventi

Tariffe

A seconda dell'evento/performance in programma

Come arrivare

in auto
percorrendo l'autostrada A22 Modena-Brennero, uscendo al casello di Carpi e seguendo le indicazioni per Correggio (percorrendo quindi la SS468 verso Sud); 
utilizzando l'autostrada A1 Milano - Bologna, uscendo al casello di Reggio Emilia e seguendo le indicazioni per Carpi-Correggio (percorrendo così la SS468 in direzione Nord).

in treno
le stazioni ferroviarie più vicine a Correggio sono quelle di Reggio Emilia sulla tratta Milano-Bologna (circa 20 km da Correggio) e di Carpi sulla tratta Modena-Verona (circa 7 km da Correggio).

in autobus
da Reggio Emilia, Piazzale Europa, si può raggiungere Correggio con gli autobus di linea n. 43 e 82

Notizie storiche

Il teatro è intitolato al musicista correggese Bonifazio Asioli.

I primi spettacoli sembrano risalire al febbraio del 1660.
Lavori di restauro e di ampliamento vengono eseguiti a partire dal 1752 nonostante, circa un secolo dopo, la situazione del fabbricato sia giudicata disastrosa.
Nel 1850 la Comunità è favorevole alla costruzione di un nuovo teatro in muratura che viene iniziato su progetto dell'architetto Francesco Forti e inaugurato nel 1852; il vero e proprio completamento, comunque, avverrà circa un ventennio dopo.
La facciata viene portata a termine nel 1872-73 dall'ingegnere Antonio Tegani di Reggio Emilia utilizzando otto colonne in marmo offerte dal Municipio di Modena. Nel 1880 il teatro viene intitolato al musicista Bonifazio Asioli. Viene poi parzialmente distrutto da un incendio nel 1889 e ricostruito verso la fine del secolo. La sua ricostruzione ha inizio nel 1890 ad opera dell'ingegnere comunale Giuseppe Aimi nel rispetto delle caratteristiche precedenti. Nel 1898 grazie ad una pubblica sottoscrizione il teatro viene inaugurato con la "Bohème" di Puccini. Nel 1909 il teatro si incendia di nuovo e provoca pochi danni alla struttura ma due morti. Dal 1943 al 1960 viene destinato ad uso cinematografico ed in seguito restituito al comune di Correggio in precarie condizioni di strutture, impianti e servizi; la struttura viene riaperta nel 1973.
Il pittore Franco Zanichelli si occupa della direzione dei restauri degli affreschi, delle decorazioni e degli strucchi.
Il teatro presenta una facciata in stile neoclassico sulla quale sono collocati quattro medaglioni in marmo eseguiti dallo scultore Eusebio Casalgrandi raffiguranti Bonifazio Asioli, Claudio Merulo, Nicolò da Correggio, Samuele Jesi. Il vestibolo è di pianta ottagonale e da esso si accede all'atrio nel quale due lapidi marmoree ricordano i musicisti Merulo e Asioli.