Palazzo Municipale

Già dimora della Confraternita di San Giuseppe Patriarca, poi sede delle scuole pubbliche ed infine residenza municipale dal 1873.

Indirizzo e contatti

Corso Mazzini, 33 - 42015 Correggio
telefono 0522 630711 - Municipio Centralino
Informaturismo

Orari

Il palazzo ospita la sede comunale ed è pertanto visitabile (previo appuntamento) nelle parti aperte al pubblico dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 13:00.

Come arrivare

Correggio

in auto
percorrendo l'autostrada A22 Modena-Brennero, uscendo al casello di Carpi e seguendo le indicazioni per Correggio (percorrendo quindi la SS468 verso Sud); 
utilizzando l'autostrada A1 Milano - Bologna, uscendo al casello di Reggio Emilia e seguendo le indicazioni per Carpi-Correggio (percorrendo così la SS468 in direzione Nord).

in treno
le stazioni ferroviarie più vicine a Correggio sono quelle di Reggio Emilia sulla tratta Milano-Bologna (circa 20 km da Correggio) e di Carpi sulla tratta Modena-Verona (circa 7 km da Correggio).

in autobus
da Reggio Emilia, Piazzale Europa, si può raggiungere Correggio con gli autobus di linea n. 43 e 82

Notizie storiche

La struttura è risultato di diversi accorpamenti di edifici preesistenti.
La parte più antica è quella di sinistra.
A questa destinazione l'edificio fu riconvertito nel 1783, dopo essere stato dimora della Confraternita di S. Giuseppe Patriarca e poi, dal 1724, sede delle scuole pubbliche della città. Mentre la facciata è dovuta a restauri compiuti nel Novecento, l'interno rivela l'assetto settecentesco, a cominciare dall'ampio scalone d'onore che porta al primo piano. Nell'atrio, lungo lo scalone e nell'androne superiore sono ospitate diverse lapidi, stemmi dei signori di Correggio e del Comune, campioni dei materiali e delle misure in uso nel Principato. Va segnalato, in particolare, un busto di Giuseppe Garibaldi opera di Vincenzo Vela. Sulle pareti dell'atrio sono scritti i nomi dei cittadini più illustri dei secoli passati.
La sala del Consiglio e altre adiacenti conservano affreschi e decorazioni ottocentesche, opera dei pittori locali Luigi Asioli e Andrea Capretti (1821-1870).
La volta della stanza centrale, sempre affrescata da Capretti, presenta alcune vedute della città.
In fondo al corridoio del primo piano, inserito inuna cornice archittetonica dipinta, è murato un orologio. Il palazzo, dalla facciata ondulata, è diviso in due parti da Via del Correggio. Laparte più interessante è quella di sinistra che sotto il porticato presenta due portoni. Quello a destra conduce alla ex Chiesa della Confraternità di San Giuseppe Patriarca eretta nel 1503 a scopo assistenziale, oggi sede di uffici comunali.
All'interno delle sale del comune dal Dicembre 2000 è stata allestita una mostra permanente dedicata al pittore correggese Giovanetti. Attualmente espone quindici opere.

 

 

 

 

 

 

 

.La struttura è risultato di diversi accorpamenti di edifici preesistenti.La parte più antica è quella di sinistra.A questa destinazione l'edificio fu riconvertito nel 1783, dopo essere stato dimora della Confraternita di S. Giuseppe Patriarca e poi, dal 1724, sede delle scuole pubbliche della città. Mentre la facciata è dovuta a restauri compiuti nel Novecento, l'interno rivela l'assetto settecentesco, a cominciare dall'ampio scalone d'onore che porta al primo piano. Nell'atrio, lungo lo scalone e nell'androne superiore sono ospitate diverse lapidi, stemmi dei signori di Correggio e del Comune, campioni dei materiali e delle misure in uso nel Principato. Va segnalato, in particolare, un busto di Giuseppe Garibaldi opera di Vincenzo Vela. Sulle pareti dell'atrio sono scritti i nomi dei cittadini più illustri dei secoli passati.La sala del Consiglio e altre adiacenti conservano affreschi e decorazioni ottocentesche, opera dei pittori locali Luigi Asioli e Andrea Capretti (1821-1870).La volta della stanza centrale, sempre affrescata da Capretti, presenta alcune vedute della città.In fondo al corridoio del primo piano, inserito inuna cornice archittetonica dipinta, è murato un orologio. Il palazzo, dalla facciata ondulata, è diviso in due parti da Via del Correggio. Laparte più interessante è quella di sinistra che sotto il porticato presenta due portoni. Quello a destra conduce alla ex Chiesa della Confraternità di San Giuseppe Patriarca eretta nel 1503 a scopo assistenziale, oggi sede di uffici comunali.All'interno delle sale del comune dal Dicembre 2000 è stata allestita una mostra permanente dedicata al pittore correggese Giovanetti. Attualmente espone quindici opere.