Albinea

Accogliente cittadina, situata ai piedi della zona pedecollinare, in posizione intermedia fra Reggio Emilia e l'Appennino.

Informazioni e contatti

Altitudine m:m.166
Abitanti: 8.825 al 31 dicembre 2018
CAP : 42020
Giorno di Mercato: Lunedì
Fiera: 1^ domenica di Settembre
Frazioni: Borzano, Montericco
0522 590211
Comune di Albinea

Come arrivare

Da Reggio Emilia: Casello Autostradale A1, SS 63 direzione Castelnovo né Monti, dopo 10 km circa, girare a sinistra direzione Scandiano-Albinea.
Servizi di Trasporto pubblico SETA: Bus 1 - Albinea

Notizie storiche

Abitato già in era paleolitica, il territorio di Albinea è di origine incerta e il Comune è composto dall'insieme di tre comunità: Borzano, Montericco e Albinea, che si riunificarono una prima volta, nel periodo feudale, sotto la dominazione della Famiglia Manfredi e, nel XIX secolo dopo l’Unità d’Italia, sotto il nome di Albinea. Delle tre ville, Borzano, già roccaforte medioevale, presenta testimonianze di vita dell’uomo in periodi ben più remoti, Montericco (il cui nome prende luogo dalla fertilità del terreno) ha avuto nomi diversi, ed infine Albinea ha origini storiche risalenti già al 890 ("Curtem de Albinea cum plebe"), ed è il feudo più antico del Vescovo di Reggio. Su ogni colle sorgono un Castello e una Pieve: facevano parte di un sistema difensivo costituito da una rete di torri e castelli prospicenti la pianura per garantire protezione dei territori matildici dalle invasioni barbariche.

Per secoli l’economia del territorio di Albinea si è fondata sull’agricoltura, grazie alle particolari condizioni climatiche ed alla configurazione del terreno che, nei secoli scorsi, ha consentito la coltivazione dell’olivo e di grandi vigneti che ancora oggi alimentano la produzione di un rinomato Lambrusco.

Importante realtà artigianale ed industriale oggi Albinea è anche ideale meta turistica. Oltre ai Castelli di Albinea e di Montericco (entrambi privati) è possibile ammirare le Pievi Benedettine (secolo XI), che rappresentavano a quel tempo, oltre che centri di culto, anche aree protette dalle mura delle fortificazioni stesse. Sono presenti inoltre, molte ville costruite nei secoli scorsi dalle più importanti famiglie reggiane, tra le quali Villa Moratti, Villa Calvi del secolo XVIII e Villa Arnò e Villa Tabarini queste ultime sedi  di un'importante rassegna musicale Jazz estiva.

Villa Tabarini ospita anche, da qualche anno, l'acetaia comunale.

Link utili